I Gamberoni panati sono il piatto ideale per aprire una cena a base di pesce, come antipasto o come stuzzichino.

Gamberoni panatiUna pietanza semplice ma dal gusto eccezionale, questa ricetta è una delizia per il palato per la sua semplicità e per gli ingredienti utilizzati. Per un’occasione importante come una cena romantica, oppure un pranzo con ospiti di riguardo, è da considerare una ricetta raffinata come questa dei Gamberoni panati.

Una ricetta facile e veloce, che va benissimo anche per una cena informale a base di pesce, o servito come delicato antipasto, stuzzichino o per un cocktail speciale in allegria con i nostri amici più cari.

Gamberoni panati

I Gamberoni panati sono il piatto ideale per aprire una cena a base di pesce, come antipasto o come stuzzichino.
Preparazione 10 minuti
Cottura 15 minuti
Tempo totale 25 minuti
Porzioni 4 persone
Calorie 180 kcal
Autore Anna

Ingredienti

  • 800 g gamberoni
  • 100 g pangrattato
  • 80 g parmigiano grattugiato
  • prezzemolo tritato
  • olio extravergine d'oliva
  • 1 pizzico aglio in polvere
  • sale e pepe q.b.
  • il succo di un limone

Procedimento

  1. Pulite i gamberoni sotto l’acqua corrente e metteteli poi a scolare in uno scolapasta. Eliminate le teste e il resto del guscio dai gamberoni ad eccezione della coda. Tamponate leggermente i gamberoni sgusciati con della carta assorbente poi lasciateli marinare per 10 minuti nel succo di limone.
  2. Nel frattempo, mescolate il pangrattato, il formaggio grattugiato, il prezzemolo, l’aglio in polvere, e un pizzico di pepe ed amalgamateli.
  3. A fine marinatura, sgocciolate del tutto i gamberoni e passateli prima in un poco d’olio poi nel pangrattato condito.
  4. Appena pronti, infilzate i gamberoni a gruppi di 4 negli spiedini di legno leggermente inumiditi con il succo di limone della marinatura. Salate leggermente e disponete gli spiedini in una teglia.
  5. Lasciate colorire i gamberoni in forno a 180 gradi per circa 5 minuti. Quando la crosta sarà dorata togliete gli spiedini dal forno e serviteli in tavola.

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *